La storia di Claudia

Quando cantare non è solo questione di volontà

Claudia è una ragazza piena di vita, studia psicologia all’università e sogna di poter vivere di musica. Si è impegnata tantissimo in questi anni per riuscire a realizzare il proprio sogno, ma purtroppo non era mai riuscita a raggiungere gli obiettivi che si è prefissata per tantissimi motivi perché ad esempio:
Spesso perdeva la voce ed era costretta a passare lunghi periodi senza poter cantare
Quando la voce c’era non riusciva a gestirla
Non aveva qualcuno che la supportasse dal punto di vista musicale e compositivo

Spesso nelle scuole dove studiava veniva messa da parte rispetto ad allievi meno problematici e questo le abbassava notevolmente l’autostima

Il percorso fatto insieme

Ho conosciuto Claudia diversi anni fa durante una sostituzione in una scuola di musica e con molta sincerità le consigliai di rivolgersi a un insegnante più esperto in quanto non avevo idea di come poterla aiutare in quel momento della mia carriera e della mia formazione. Un anno fa mi ha ricercato – il nostro incontro le aveva lasciato un buon ricordo – per chiedermi aiuto e questa volta, dopo un’attenta prima lezione, ho capito che con le competenze acquisiste avremmo potuto fare un buon percorso insieme.

La situazione di partenza

Claudia aveva evidenti problemi di intonazione solo in alcuni punti del range, mentre in altri era assolutamente perfetta. Il suo timbro era caldo e avvolgente ma tendeva a spingere tantissimo per raggiungere le note alte e spesso sovraccaricava il suono rendendolo estremamente imponente. Scriveva canzoni e aveva prodotto un inedito ma era molto insoddisfatta di quelle registrazioni e degli arrangiamenti fatti.

Come abbiamo lavorato

Per prima cosa, dopo la prima lezione, ho consigliato una visita foniatrica perché sentivo che le corde vocali non funzionavano come dovevano ed effettivamente l’esame diagnosi ha evidenziato dei piccoli ispessimenti, dovuti allo sforzo, e un forte reflusso gastro esofageo (nel caso non lo sappiate uno dei peggiori nemici dei cantanti).

Appurato ciò abbiamo iniziato a fare degli esercizi che si concentrassero sul togliere l’eccessiva pressione dell’aria che arrivava sulle sue corde vocali e abbiamo imparato a salire senza compensi. Nel frattempo, abbiamo iniziato a lavorare sulla sua percezione ritmica, sullo stile e sull’ear-training.

In contemporanea Claudia ha iniziato a studiare pianoforte e si è rivolta a un mio collaboratore per riarrangiare il brano del quale si sentiva tanto insoddisfatta.

Claudia ha fatto davvero tanta fatica in questo anno, perché nonostante il grande impegno il suo corpo non rispondeva. Duranti i nostri incontri insieme, infatti, sono uscite fuori tante cose rispetto alla vita di Claudia: problemi di autostima, un rapporto vortiginoso con il proprio corpo, una salute instabile, elementi che influenzavano e influenzano la sua vocalità rendendo il tutto molto difficile.

Noi siamo la nostra voce e non possiamo prescinderla dal nostro corpo e dalla nostra psiche.

I risultati raggiunti

Nel corso di questo anno Claudia ha:

Migliorato notevolmente la sua intonazione
Avuto la possibilità di esibirsi senza perdere continuamente la voce
Iniziato a definire la sua identità artistica
Scritto, composto e prodotto ben cinque canzoni originali
Il percorso di Claudia è appena cominciato, nonostante abbia passato più di dieci anni a formarsi per realizzare il suo sogno. Per alcune persone i risultati che ha avuto potranno sembrare anche insufficienti, ma credo fermamente che non esista una strada univoca per potersi esprimersi attraverso le proprie canzoni, e che la cosa più importante per un cantautore sia raccontare, cantare la propria storia, e una storia senza ostacoli non è molto avvincente

La testimonianza di Claudia

Restiamo in contatto

    Accetto le condizioni sul trattamento dei dati personali